Fiumi di parole

Fiumi di parole, fiumi di parole tra noi
Prima o poi ci portano via

Jalisse

Iniziava così la canzone con cui i Jalisse vinsero Sanremo nel 1997. Ovviamente qui non parleremo di Sanremo. La canzone, però, mi è venuta in mente pensando a un classico problema che incontriamo leggendo un documento legale (online o stampato che sia). ☛  Leggi tutto

Avvocati e giudici preferiscono un linguaggio chiaro al legalese

Puntuale come l’ora legale o il servizio estivo del telegiornale sui consigli per difendersi dal caldo, è l’obiezione di chi partecipa al nostro corso sulla scrittura giuridica efficace: “se scrivo al giudice/collega/funzionario (scegliere a caso un soggetto dotato di laurea in giurisprudenza o comunque specializzato in questioni legali) perché dovrei rendere più semplice il mio modo di scrivere?”. ☛  Leggi tutto

Scriviamo per una persona che non esiste

Noi di Iura Design parliamo di linguaggio inclusivo e sotto questa etichetta raccogliamo tutto ciò che ha a che fare con l’uso di parole rispettose. Rispettare le diversità delle persone, considerare le diversità una ricchezza preziosa, usare le parole che valorizzano queste diversità: ne parlerò molto, ma non subito, non tutto in una volta, con calma.  ☛  Leggi tutto

Come nasce la nostra identità visiva?

Chiarezza. Riduzione della complessità. Non potevamo predicare bene e razzolare male. Talk the talk and walk the walk, direbbero gli inglesi. Abbiamo quindi iniziato dalla nostra identità visiva. Una partenza che potremmo definire di sintesi estrema: usare due soli elementi. ☛  Leggi tutto